fbpx

BARATTIERI E TENUTA CUCCO PARTNER DELL’ITALIAN WINE CRYPTO BANK

Aug 5, 2021

L’Italian Wine Crypto Bank (IWCB), la prima e unica banca del vino basata su blockchain, criptovalute e asset digitali, ha annunciato l’adesione al progetto anche di Barattieri e Tenuta Cucco.

Sono solo le ultime tra le prestigiose cantine italiane che hanno aderito all’ IWCB nelle ultime settimane. Tra di esse: Allegrini, Arnaldo Caprai, Banfi, Baracchi, Sordo, Casa E. di Mirafiore, Casa Raia, Castello di Perno, Castello di Querceto, Elena Fucci, Fontanafredda, Poderi Gianni Gagliardo, Giuseppe Cortese, Negro Giuseppe, Il Carnasciale, Incontri Organic Wine, La Magia, Macchie Santa Maria, Macondo, Marchesi Mazzei – Castello di Fonterutoli, Mocali, Planeta, Poggio al Tesoro, Salvatore Molettieri, Tasca d’Almerita, Tenuta Impostino, Tua Rita, Vini Franchetti (Tenuta di Trinoro, Passopisciaro e Sancaba), Tenuta di Capezzana, Boroli e Tenuta Sette Ponti.

 

Di Barattieri l’IWCB avrà in portfolio:

“Vin Santo Albarola Val di Nure” Colli Piacentini DOC 2009, Barattieri

Tra i colli piacentini, in una delle zone vinicole più suggestive dell’Emilia Romagna, viene prodotto il “Vin Santo Albarola Val di Nure” di Barattieri.

Prodotto dai migliori grappoli di Malvasia di Candia aromatica, il Vin Santo di Barattieri è un vero e proprio nettare, raro e prezioso, di cui vengono prodotte solamente 900 bottiglie all’anno.

I grappoli spargoli, selezionati dopo la vendemmia rigorosamente manuale, vengono stesi su dei cannicci nella solana dove rimarranno in appassimento sino a Natale, quando avverrà la torchiatura.

La fermentazione avviene direttamente nei caratelli, dove il Vin Santo resta per ben 10 lunghi anni, a cui seguiranno 2 ulteriori anni di affinamento in bottiglia, stabilizzandosi naturalmente e sviluppando una notevole struttura e un corredo aromatico complesso.

Alla vista un colore ambrato brillante preannuncia il complesso bouquet olfattivo, dove si susseguono note di frutta secca di noce e nocciola, dattero e uva sultanina. La complessità si svela lentamente esprimendo note di miele e caramello, fino ad arrivare al tabacco.

Al palato è rotondo e avvolgente, ma equilibrato da una piacevole freschezza. Lunga la persistenza con retrogusto di frutta candita. Armonico ed elegante, un grande vino da meditazione.

Ottimo abbinamento alla pasticceria secca, perfetto con formaggi a pasta dura ed erborinati.

 

Di Tenuta Cucco l’IWCB avrà in portfolio:

Barolo Cerrati DOCG 2016, Tenuta Cucco

Da uno dei cru più vocati di Serralunga d’Albate nasce il Barolo Cerrati DOCG 2016.

Nebbiolo in purezza, coltivato in terreni argillosi e calcarei a circa 300 metri di altitudine, è una delle migliori espressioni del terroir delle Langhe Albesi.

Dopo la vendemmia manuale, avviene una prima macerazione pre- fermentazione a cui segue un’ulteriore macerazione sulle bucce di circa 20-25 giorni per una completa concentrazione dei composti fenolici che contribuiranno a dare grande struttura al vino. Svolge anche una fermentazione malolattica per poi riposare, dapprima in piccole botti di Rovere Francese, poi altri 12 mesi in botti tradizionali, infine affina in bottiglia per almeno 6 mesi.

Di grande complessità e personalità saprà regalare nel tempo ancora più profondità e intense emozioni.

Alla vista il tipico colore granato del Nebbiolo si presenta ancora vivace e acceso. Al naso dapprima si esprimono sentori floreali di rosa canina e viola, alle quali si susseguono note di menta e timo. Lentamente emergono note fruttate di ciliegia e ribes appena ammostati per poi aprirsi a sentori di sottobosco e, infine, si svelano delicate note speziate e sentori di tabacco.

All’assaggio è rotondo ed elegante, i tannini ben presenti ma setosi, è contraddistinto da una piacevole freschezza e delicata sapidità. Lunga persistenza e retrogusto di prugna e liquirizia.

Da abbinare a carni rosse e formaggi stagionati. Perfetto con un brasato di Manzo o selvaggina.

Numerosi i riconoscimenti ottenuti per questa eccellente espressione di Barolo, tra cui il punteggio di 95/100 su Wine Spectator per l’annata 2016.

 

 

Le cantine invitate a diventare Partner dell’IWCB, gratuitamente e senza rischi, possono mettersi in contatto con:

Davide Casalin, Email: [email protected], WhatsApp: +39 339 718 2741

Samuele Viola, Email: [email protected], WhatsApp +39 347 748 2305